20/01/2017

Fra pochi giorni Trump sarà il nuovo presidente degli Stati Uniti. Ci attendono molte novità se darà seguito a provvedimenti conseguenti alle sue dichiarazioni elettorali. Già si profila un incontro Putin – Trump, che potrebbe segnare una svolta nelle relazioni russo-americane. È probabile, poi, che a questo ne segua un altro, non ravvicinato, cino-americano.

I tre Grandi del mondo potrebbero decidere i destini dell’intero pianeta, con una nuova Yalta.

Ci saranno, però, dei grandi assenti: l’India, l’Arabia Saudita, l’Iran, la Gran Bretagna ed Israele. Non so se si noterà l’assenza della Germania. Se la Germania non c’è, mancherà l’Europa che, d’altronde, esiste solo sulla carta.

L’Unione europea è alle soglie della dis...

26/07/2016

Nella notte di venerdì scorso è accaduto di tutto in Turchia, con il tentativo dell’esercito di un colpo di Stato.

Erdogan si è salvato per miracolo. Con l’aereo presidenziale ha cercato di atterrare prima ad Istanbul, dove è stato respinto, e poi a Berlino, dove è accaduta la stessa cosa, ma non lo sapremo mai con certezza.

Tuttavia Erdogan, con un cellulare, è riuscito a comunicare con una televisione privata (una di quelle che vorrebbe sopprimere). Nell’etere passa il messaggio del Presidente turco che invita la gente a scendere in piazza per fermare i soldati, manifestando a mani nude. Il tentativo disperato riesce: la folla scende per le strade e si oppone all’esercito che non apre il fuoco. Il tentativo di golpe...

29/06/2016

Un gatto nero ha attraversato la strada all’Europa. Brexit è diventato una realtà. I risultati del referendum sono inequivocabili: il Regno Unito esce dall’Unione Europea.

La prima reazione è di stupore, perché gli ultimi sondaggi davano per vincente il Sì. La seconda reazione è: e adesso che succederà?

Uno sconquasso finanziario: il crollo delle borse europee, la sterlina ai minimi del 1983, la corsa al rialzo dell’oro, i mercati asiatici in picchiata. Ma questo era già prevedibile nel caso di un voto favorevole all’uscita. Sta di fatto che molti ci hanno già guadagnato. La speculazione è salva. S’infittiscono i commenti, ma il futuro  appare molto incerto.

Se fossi stato inglese, avrei votato per “leave”. Troppa nosta...

25/02/2016

L’Inghilterra farà a luglio un referendum sull’opportunità di restare ancora nell’Unione Europea. Conservatori e Laburisti sono divisi, il Sindaco di Londra, uomo influente, si è schierato con il no, gli Scozzesi, per parte loro, sono invece favorevoli ed il loro consenso rafforza la richiesta d’indipendenza dall’Inghilterra, il governo è diviso e già cinque Ministri si sono dichiarati contrari a restare nell’Unione.

La City è preoccupata e la sterlina, perché le conseguenze pratiche di una decisione contraria all’Europa potrebbero essere terrificanti per l’economia. In sostanza, il Paese è diviso.

Ancora una volta l’Inghilterra si pone come un problema istituzionale per l’Europa. All’atto dell’adesione, infinite furon...

Please reload

logo-citta.jpg
Agriturismo
Il Marrugio
Antico Borgo
La Commenda
UNIONE
EUROPEA
POLIZIA
DI STATO

Questo giornale è libero a quanti desiderino collaborarvi ai sensi

dell’art. 21 della Costituzione Italiana che dispone così:

Tutti hanno diritto di manifestare

Il proprio pensiero con la parola,

lo scritto e ogni mezzo di diffusione “.

È vietata la riproduzione totale o anche parziale di quanto pubblicato su questo giornale, senza autorizzazione scritta da parte della redazione.

Reproduction in full or ever partial, of what has been published in this newspaper, without the written permission of the editors.

© 2015 by " MaLu"   - Lazio Opinioni a cura di 90119310564 - 07611765630 - Iscrizione Tribunale di Viterbo n° 02/2007 del 26 marzo 2007 - P. IVA 90119310564

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now