top of page
  • Tarquini Alessandra

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA TRATTA DI PERSONE 2023



COMUNICATO STAMPA


GIORNATA MONDIALE CONTRO LA TRATTA DI PERSONE 2023: TALITHA KUM SI UNISCE ALLA CAMPAGNA INTERNAZIONALE “RAGGIUNGI OGNI VITTIMA DELLA TRATTA, NON LASCIARE NESSUNO INDIETRO”. 560.606 PERSONE RAGGIUNTE (+ 40%) IN TUTTO IL MONDO DALLA RETE INTERNAZIONALE CONTRO LA TRATTA GUIDATA DALLE SUORE

25 Luglio 2023 – In occasione della Giornata mondiale contro la tratta di persone del 30 luglio 2023, Talitha Kum, la rete globale di suore, alleati e partner, fondata nel 2009 dall’Unione Internazionale delle Superiore Generali (UISG), si unisce alla comunità internazionale impegnata contro la tratta di esseri umani.

Il tema di questa edizione è “Reach every victim of trafficking, Leave no One Behind” (in italiano “Raggiungi ogni vittima della tratta, non lasciare nessuno indietro”) e Talitha Kum organizza il 28 luglio un incontro online sulla tratta con la partecipazione di giovani impegnati in tutto il mondo, che condivideranno idee e buone pratiche.

Una delegazione di Talitha Kum international parteciperà alla Giornata Mondiale della Gioventù (GMG) a Lisbona (dal 1 al 6 agosto), il raduno di giovani di tutto il mondo con il Papa, e coinvolgerà i partecipanti in attività di sensibilizzazione sulla tratta.

Talitha Kum ha presentato alcune settimane fa il suo ultimo rapporto, disponibile in 5 lingue su

Ricco di dati, storie, testimonianze e analisi critiche ripercorre le attività dell’ultimo anno di Talitha Kum e si propone come uno strumento di lavoro per tutte le persone impegnate contro la tratta.

Il report nel 2022 mostra una significativa crescita quantitativa e qualitativa nelle aree della prevenzione, della cura delle vittime, accesso alla giustizia e networking. Talitha Kum è cresciuta, fino a diventare una rete di reti che raggiunge 560.606 persone in tutto il mondo. Si tratta di un aumento del 40% rispetto al 2021. Di queste 506.606 persone, 34.463 sono vittime e sopravvissuti, 442.276 sono coinvolte in azione di prevenzione, mentre 83.867 in quelle di networking, formazione e capacity-building. A fronte di questa crescita nelle attività, c’è stata invece una lieve diminuzione dei membri attivi e dei collaboratori che nel 2022 sono stati 5445 (circa 554 in meno dell’anno precedente, equivalente ad un 9 per cento in meno).

Un altro aspetto interessante delle attività di Talitha Kum è la sua forte collaborazione con altre religioni o gruppi interreligiosi, e in questo ambito si è registrato un aumento del 31% delle collaborazioni, sia a livello locale, regionale e internazionale, in particolare in Asia, Africa e Oceania.

Come iniziativa internazionale contro la tratta e lo sfruttamento, Talitha Kum promuove la collaborazione tra le reti organizzate a livello locale, nazionale, regionale e continentale, supportando attivamente vittime, sopravvissuti e persone a rischio. Il rapporto riflette questa struttura multilivello e raccoglie il contributo di tutti i coordinamenti e membri della rete.

L'anno appena trascorso è stato uno dei più impegnativi mai vissuti, a causa dello sviluppo di molte crisi legate tra loro, come l'impatto della pandemia da Covid-19, i conflitti in corso in molti Paesi (Myanmar, Sri Lanka, Siria, Burkina Faso, Venezuela, etc.), la guerra in Ucraina, che ha causato sofferenze a milioni di persone, senza dimenticare le devastanti catastrofi naturali, conseguenze dei cambiamenti climatici. Tutte queste crisi hanno un impatto diretto sulla tratta di esseri umani a livello internazionale. Inoltre, riflettendo sulle sfide della transizione della leadership e sulla complessità dei tempi in cui viviamo, possiamo osservare come la rete di Talitha Kum rimanga comunque impegnata nella sua missione, in cammino al fianco di ogni essere umano, sempre attiva nel prendersi cura delle persone ferite dallo sfruttamento e nell’intraprendere azioni concrete per contrastare la tratta di esseri umani. Nonostante le sfide che abbiamo osservato, i membri di Talitha Kum continuano a rispondere alla nostra Call to Action (Chiamata all’Azione), curando, portando sollievo, fornendo strumenti e lasciandosi coinvolgere nelle vite delle vittime e dei sopravvissuti, nonché delle popolazioni a rischio di tratta e sfruttamento.ha dichiarato Suor Abby Avelino, MM, Coordinatrice internazionale di Talitha Kum.

L’instancabile e profetico impegno di sensibilizzazione e di lotta alla tratta degli esseri umani, in collaborazione sinergica con migliaia di persone nel mondo, rende la missione di Talitha Kum significativa e rispondente alle sfide di ogni tempo e di ogni realtà. Combattere lo sfruttamento umano e debellare qualsiasi forma di schiavitù è un appello che si fa sempre più necessario. La Call to Action, elaborata e lanciata lo scorso anno, è vibrante e ispirante e continua ad orientare le scelte maturando proposte per promuovere un mondo più giusto e solidale in cui ogni persona possa vivere con dignità e pienezzaha dichiarato Sister Nadia Coppa, ASC, Presidente della UISG.


Quest’anno l’analisi dei dati è stata svolta in collaborazione con il prof. Giulio Guarini, professore associato in economia presso l'Università degli studi della Tuscia (Viterbo); con la prof.ssa Ilaria De Benedetti, ricercatrice in Economia presso l'Università degli studi della Tuscia (Viterbo) e Silvia Di Risio, studentessa del master “Economia e comunicazione per il management e l'innovazione” presso l'Università La Sapienza di Roma e l'Università degli studi della Tuscia (Viterbo).

Il Rapporto è stato prodotto da Talitha Kum in partnership con Global Solidarity Fund.


Comentários

Avaliado com 0 de 5 estrelas.
Ainda sem avaliações

Adicione uma avaliação
bottom of page